Feed on
Posts
Comments

By Irene Graziotto

What we discuss today is rosé. Thanks to Elizabeth Gabay MW, we dive into an extensive insight on rosé wine. Considered amongst the world main experts for the rosé wine category, Elizabeth Gabay MW has released her book on rosé wines last January. Rosé: Understanding the Pink Wine Revolution (see pink.wine for details) can be considered the most comprehensive book ever written on rosé wine. Today, she helps us understanding a little bit more of this world, which is far from being a cohesive monoblock.

Elizabeth Gabay MW

Elizabeth Gabay MW

When has the rosè trend started exacty? According to you, there has been something in particular that has set rosè wine on fire?

EG: The fashion for rosé has come and gone – after the war and in the 1950’s then back in fashion starting in the mid 1990s. The big difference for this latest fashion trend has been a bigger focus on research and development in quality through the rosé research centre in Vidauban, and in the past 10 years marketing especially using social media. 2007 seems to have been a key date with many wineries around the world suddenly starting to think of rosé wine.

Which are success factors of rosé? 

EG: Most people claim that one of the biggest reasons for success is that it is pretty and uncomplicated – anyone and of any age can appreciate the wine without great wine knowledge.

Amongst the biggest changes concerning rosè from all over the world, there has been certainly a shift towards paler rosè wines. In “The pale and uninteresting problem with rose” on Wine Searcher you have stated that  picking graes too early is leading to wines that “Many wineries – some in Provence and many elsewhere – are picking grapes too soon. It doesn’t make the wines more pale, but it does make these pale wines unpleasant to drink“. Do you think once consumers will get bored with these flavourless wines and go back to darker (more flavoured) rosè wines?

EG: I think the consumer profile will change for sure. Pale, neutral rosé drunk icy cold will always be good by the pool or on the beach, made into cocktails, served with ice. The perfect light summer wine. The problem also with these lighter wines is they fail to do well in competitions – and in a market where medals and points are important these wines will fail to capture the serious market, and yes, get left behind.
Another important shift has been the one from sweet rosè wines towards dry ones. Do you think the amount of sugar is a key factor for a rosè? 

EG: As with all wine styles, sweeter wines are looked down upon – maybe because with drink driving, we now rarely allow ourselves the opportunity to enjoy sweeter wines during a meal? It is not the sugar that is important but the sugar: acid balance in rosé. Fine rosés from Anjou can be as beautiful as many classy sweet white wines, and beautiful with fruit, tomatoes, cheese, hams…. Because they have wonderful acidity.

What other big changes, if any, have shaped the rosè world in the last 10 years?
EG: The financial success of Provence rosé cannot be underestimated. It gave rosé producers the confidence to think that rosé could maybe more than a wine for two months a year. It encouraged people like Sacha Lichine to announce he was making the most expensive rosé in the world at 80 euros a bottle – and sell out every year. This success led to winemakers experimenting with oak and amphora, in their winemaking. In many way this is nothing extraordinary, but for many producers, just ‘thinking’ they could make more serious rosé if they wanted to was a big mental leap.

Rosè wine is without any doubt, the most instagrammed type of wine, always surrounded by pools, sea, party moments, etc. People buy rosè because it is a rosè, more than for the fact it comes from one region of the world or another. Would you agree?

EG: Yes – but I also think this emphasis on the Instagram rosé is showing a divide in the world of rosé – the beach rosé and the serious rosé. The big problem is whether the Instagram image makes it difficult for serious rosé to become appreciated.

Single-Vineyard Rosés in Napa and Sonoma are Bringing Focus to Terroir” was the title of an article on Wine Enthusiast published last Autumn. Do you think we will ever get to a terroir-driven production/communication also for rosè wines, maybe from cru?

EG: Definitely and this is already starting. Provence has highlighted four different soils – limestone, schist, volcanic and mixed gravel and these are showing very interesting diversity. Beaujolais rosé on granite soils, Sicily on Volcanic etc. Many producers are still thinking ‘neutral rosé’ but it is fast growing trend. Also altitude.

Italian rosè: there is not much talk about them. Is there any particular reason?

EG: Lack of confidence? Cheap bulk rosé or Pinot Grigio has been seen as the money spinner, and high quality rosés are still a secret for a small number of people. However, a long history and traditions and some amazingly diverse styles suggest that this is about to change. As long as quality and diversity are strongly protected.

Were you an Italian rosè producer, where would you export your wine to? Which is to say, which markets are particularly attracted by rosè?

EG: America especially the east coast is a big rosé market and there is an enormous growth in curiosity in wine. But, the market is quite saturated, and many producers say it can only take small quantities. Australia is a massively growing and interested rosé market – possibly the fastest growing right now. Scandinavia is also a good market – but again, with the monopolies, limited range. And central Europe. It is easy to forget, but Central Europe is a fast growing market too

Could you name 5 iconic rosè?

EG: Bodegas Lopez de Heredia Tondonia in Rioja; Garrus from Chateau d’Esclans in Provence ; Domaine Tempier in Bandol; Olivier Horiot, Rosé de Riceys; Pink Champagne.

And 5 lesser known rosè that deserve to become iconic?

EG: Impossible to say – regions to look out for Oregon (Pinot Noir rosés); volcanic roses from Sicily and the Azores; Greece – lovely indigenous varieties with good acidity and ripe fruit; Austria – fruit and acidity and some serious winemaking going on; California – varietal character, terroir character, interesting varieties and blends and a curiosity to try new styles.

Any forecasts on how the rosè world will change in the next 10 years? Are there already some minor changes moving forward?  

EG: Winemakers are learning how to make the most of the rosé style and going one step further.

Interesting varieties – many indigenous varieties were forgotten because they did not produce big red wines – but many are perfect for rosé. Others produce bug course tannic alcoholic reds – harvested a little earlier and they produce good rosé. Petit Verdot does not make the finest of reds – but is gorgeous and fruity as a rosé. Terroir. Limestone can give broader creamy acidity, volcanic soils more minerality, altitude gives acidity and ripeness of fruit. Greater recognition of historic traditions and appreciation of regional styles. Tavel, Cerasuolo, Clairet – all have a tradition of darker, fruitier rosés. This tradition is in danger of being lost as many producers feel the wines have to be pale to sell. Will the trend to like darker rosés succeed? Still a question mark – but I think maybe yes. Experimenting with winemaking – fermenting and/or ageing in oak – this is difficult because oak can dominate the wine. Use of amphora or cement – gives lovely weight and texture; Extra skin contact, especially if with some white varieties and blended in – again gives good weight without changing the essential rosé style. Biggest trend – discovering rosés can age. You do not have to drink them within the first year or two.

Elizabeth Gabay MW – Biography

Originally from the UK, and now based in south-eastern France, I passed the Master of Wine exams in 1998. I started working with wine in the mid-1980s, representing vineyards and selling their wines in the UK, specialising in the wines of south eastern France, before the rosés of Provence became the success story of today. Since then, my work has extended to freelance consultancy and education which includes conducting masterclasses at trade shows, for press and to promote regional wine bodies such as Anjou, Provence, Szekszárd in Hungary etc. I also write about wine. My focus is on the wines of the Mediterranean and Central Europe, regions with a plethora of indigenous varieties and unique styles. This involves frequent travels across southern France, northern Italy, the Balkans and Hungary and Central Europe, which have led to me greatly appreciating their wines. I have also been able to observe the evolution of rosé through the rosés of Languedoc and Provence, the chiaretti and cerasuoli of Italy and the schillers of central Europe – a great wealth of diversity. Research, articles and lectures have culminated in the publication of my book Rosé: Understanding the Pink Wine Revolution (in January 2018) see pink.wine for details, the most comprehensive book ever written on rosé wine. With rosé wine such a fast-moving and dynamic area, the reseach and discovery is never ending… Watch this space for the next big rosé project!

 

Tags: , ,

Nuova generazione Parovel

Nuova generazione Parovel

Poco prima di arrivare a Bagnoli della Rosandra si passa davanti alla ex “Grandi Motori Trieste”, la fabbrica di motori per navi più grande d’Europa. 530.000 m² di stabilimento, un gigante di cemento impressionante. Sembra che l’antico luogo natio della principessa Rosandra sia stato inghiottito da quell’orrida architettura industriale, rovinando per sempre quel lembo di Carso così ricco di suggestione. Inevitabilmente sale un po’ di sconforto ma è questione di un attimo perché ti basta pensare che a pochi chilometri di distanza ti aspetta la famiglia Parovel e subito l’animo si rasserena.

Una famiglia di grande cultura vinicola e olearia quella dei Parovel, addirittura tra i pionieri dell’attività agrituristica.  Nel 1898 Pietro Parovel  iniziò la sua attività assieme alla moglie Ana e i loro sei figli partendo dal piccolo borgo di Caresana Mačkolje, frazione del comune di San Dorligo della Valle, in provincia di Trieste; a Caresana, tutt’ora il cuore pulsante della famiglia, iniziò anche la loro attività di ospitalità nella tipica “Osmiza”. Sarà poi Zoran Parovel, assieme alla moglie Cvetka, negli anni settanta del secolo scorso, a gettare le basi per la creazione dell’attuale azienda che oggi vanta una storia lunga 120 anni. Infine toccherà ai fratelli Elena ed Euro, figli di Zoran e Cvetka, completare l’opera, facendo in modo che il nome Parovel venga riconosciuto nel mondo non solo per il vino ma anche per la produzione dell’olio Tergeste D.O.P.

La casa della famiglia Parovel a Caresana

La casa della famiglia Parovel a Caresana

Elena, bellezza e brio tutto carsolino, si occupa dell’area commerciale e delle relazioni esterne, mentre Euro, tipo davvero unico (conoscerlo di persona vale il viaggio) è l’enologo di casa. Vitovska e Terrano sono i figli naturali di queste terre, ma la famiglia Parovel ha una predilezione particolare per la Malvasia Istriana, amore che parte da lontano e che ha trovato terreno fertile nella passione di papà Zoran, per questo vitigno, quando ancora non era di moda.
Zoran ha avuto anche il merito e l’intuito commerciale, assieme a  Danilo Lupinc viticoltore di Prepotto, di essere fra il primo a commercializzare i vini in bottiglia sul Carso e a Trieste, puntando su un’enologia che garantisse la pulizia e la qualità, utilizzando per le fermentazioni cemento e poi acciaio. La famiglia Parovel, con lo spirito di innovazione che l’ha sempre contraddistinta, ha fondato anche il primo frantoio privato in provincia di Trieste nella vicina zona artigianale di Dolina, ora sede di tutta la loro produzione olivicola.

L’azienda Parovel, è anche molta attenta alla promozione culturale: spesso in cantina, oltre alle degustazioni e alle cene a tema, si organizzano spettacoli teatrali, concerti, mostre d’arte.  Trovo sempre molto affascinante e rasserenante questo connubio tra arte e vino, questo amore smisurato per la terra e per i suoi frutti, questo amore per un mondo rurale ancora possibile.

36188451_10214270865679252_1043267867098742784_nDue parole sui vini Parovel

Vitovska, Terrano, Refosco o l’uvaggio di Malvasia istriana e Glera sono sempre un gran bel bere, ma sono due i vini di Parovel che annovero tra i miei bianchi del cuore, la Malvasia Poje Barde e il Matos Nonet Barde. Per la Malvasia, ho avuto il privilegio di assaggiare l’annata 2015 sorseggiandola con i piedi a mollo dentro il torrente Rosandra. Un assaggio indimenticabile per una Malvasia unica che nella Val Rosandra acquisisce particolari note fumè e saline che la  rendono immediatamente riconoscibile. E poi c’è il Matos Nonet Barde, attualmente disponibile nell’annata 2013, uvaggio da vitigni Malvasia Istriana (60%), Sauvignon (30%), Semillon (10%). Questo vino originariamente si chiamava solo Matos, perché voleva essere un vino un po’ particolare, un po’ matto. L’idea in realtà, richiamava un modello di lavoro antico, legato alle tradizioni e alla cultura del vino che si faceva da queste parti. Diventò poi Matos  Nonet perché alla presentazione della prima annata suonò all’evento il “nonetto” del paese in cui ha origine la famiglia Parovel. La festa riuscì benissimo e la musica fu talmente piacevole che si decise di legare il nome del vino a quel gruppo di musicisti  del paese. La macerazione sulle bucce qui è davvero usata da Euro con sapiente maestria, tanto da allontanarlo dagli stereotipi del genere; completa l’opera quel 10% di uva Semillon, attaccata da muffe nobili come la Botrytis Cinerea, in grado regalare uno dei vini più intensi e romantici che arrivano dall’area giuliana.

Tags: , , , ,

33814850_10214087679779719_2309663348263747584_nEnjoy Collio 2018 è stata la seconda edizione di quella che potremmo definire a tutti gli effetti l’anteprima della nuova annata dei vini del Collio; manifestazione che di fatto va ad affiancarsi a tutte le grandi anteprime italiane, in calendario dal mese di gennaio in poi, che accompagnano i giornalisti di tutto il mondo alla scoperta dei nuovi vini del Belpaese introdotti nel mercato. È stato un passaggio davvero importante quello fatto dal Consorzio Collio lo scorso anno che ha consentito di rimettere in circolo aria nuova in una delicata fase di rilancio. Atto coraggioso e anche rischioso ma, di sicuro, premiante, come confermano i dati sulla partecipazione di eno – appassionati e turisti alle degustazioni, alle visite cantina e in generale a tutti gli appuntamenti previsti dal ricco programma di Enjoy Collio Experience 2018.

Tirando le somme di questa seconda edizione emergono con forza due certezze: la qualità assoluta dei Collio Bianco e la longevità come valore fondante per la storia presente e ovviamente futura del Collio. Per la DOCG Collio Bianco si deve fare presto, lo reclama l’elevato livello dei 23 campioni degustati alla cieca che sta a dimostrare come la strada intrapresa lo scorso anno, per l’approvazione del nuovo disciplinare, sia quella giusta e davvero spiace, e preoccupa, constatare che, durante le giornate dedicate alla stampa, ci sia stata meno enfasi ed entusiasmo su questo aspetto. L’idea del Collio Bianco Gran selezione DOCG realizzato con gli autoctoni friulano (dal 40% al 70%) – ribolla gialla (max 30%) e malvasia (max 30%), da mettere in vendita dopo almeno 24 mesi d’invecchiamento, unita alla riconoscibilità della “Bottiglia Collio”, pensata qualche anno fa da Edi Keber, sono un’idea vincente per riposizionare il Collio tra i grandi terroir del mondo; posto che il Collio merita, non solo per qualità ma anche per tradizione, innovazione e pionierismo: non dimentichiamoci che da qui è partita la rivoluzione  che ha cambiato il corso della storia dei vini bianchi italiani.

34111287_10214100496060118_6729458160710451200_nLa seconda certezza è la longevità. È indubbio, che i bianchi del Collio hanno un potenziale d’invecchiamento straordinario, anzi è uno dei veri e propri punti di forza della denominazione; ciò che a 8/9 mesi dalla vendemmia appare in cerca di identità, dopo 5,6,7 anni spesso diventa sublime; non solo, si possono assaggiare vini con 20/30 anni sulle spalle che continuano ad avere freschezza, eleganza e complessità. Perché allora non puntare, anche in una logica commerciale, su questi tesori seguendo l’esempio della cantina di Terlano? Sarebbe un ulteriore elemento distintivo per il Collio e qui questa cosa si può fare più che in molti altri posti del mondo.

 I migliori assaggi (alla cieca) di Enjoy Collio 2018

 Gli autoctoni

Ribolla

Trovo che la ribolla si esprima ottimamente in uvaggio, in purezza mi impressiona meno. Discorso a parte per Oslavia ovviamente, dove la macerazione apre scenari particolari e unici. Tra gli assaggi migliori: Ascevi Luwa Ribolla Gialla Doc Collio 2017, Primosic –  Ribolla Gialla di Oslavia Riserva Doc Collio 2013 e Ribolla Gialla di Oslavia Riserva 2009.

Friulano

Vitigno che amo tantissimo. Le vecchie vigne regalano bianchi di autentica poesia, tra i più grandi in Italia e non solo; motore indispensabile per Il Collio Bianco al quale dona spessore e prospettiva. Nell’edizione 2018 di Enjoy Collio Experience livelli davvero altissimi per il friulano, ed è davvero un grande piacere. Volendo proprio fare qualche nome tra i 39 campioni assaggiati cito: Borgo Conventi Friulano Doc Collio 2017, Humar Friulano Doc Collio 2017, Castello di Spessa Friulano Doc Collio 2017, La Rajade Friulano Doc Collio 2017, Blazic Friulano Doc Collio 2017, Venica Friulano Ronco delle Cime Doc Collio 2017, Polencic Isidoro Friulano Doc Collio 2017, Fantinel Friulano Doc Collio 2016. Si tratta però di un esercizio di stile perché i campioni, tranne forse solo un paio, erano davvero notevoli.

33941552_10214100593302549_5974476070546571264_nMalvasia

Anche per la malvasia belle notizie, certo 9 vini assaggiati non sono una grande campionatura però quello che ho degustato era davvero notevole, su tutti: Terre del Faet Malvasia Doc Collio 2017, Pascolo Malvasia Doc Collio 2017, Fiegl Malvasia Doc Collio 2017, Casa delle Rose Malvasia Doc Collio 2017.

 Collio Bianco

Fuoriclasse assoluto, che si esprime dopo qualche anno in bottiglia, splendidi gli assaggi di: Collavini Collio Bianco Broy 2016, Skok Collio Bianco Pe-Ar 2016, Fantinel Collio Bianco Frontiere 2015, Gradis’ciutta Collio Bianco Bràtinis 2015, Russiz Superiore Collio Bianco Col Disore 2015, Marco Felluga Collio Bianco Molamatta 2014, Tercic Collio Bianco Planta 2013 e il Collio Bianco vecchie Vigne 2004 di Roncus. Alle porte dell’Olimpo il Collio Bianco Riserva 2009 di Gradis’ciutta.

 Internazionali

 Pinot Bianco

Non capirò mai perché in Collio non si punti di più sul pinot bianco in purezza, si vincerebbe facile. Solo 8 campioni in assaggio tutti di livello assoluto ma se devo fare 3 nomi dico: Casa delle Rose Pinot Bianco Doc Collio 2017, Castello di Spessa Pinot Bianco Santarosa Doc Collio 2017, Venica Pinot Bianco Tàlis Doc Collio 2017. Poi c’è un fuoriquota che si chiama Russiz Superiore Pinot Bianco Riserva Doc Collio 2015, parkerianamente ampiamente oltre i 90 punti.

Chardonnay

Pochi campioni diamine, 6 in tutto e notevoli, indimenticabile Komjanc Alessio Chardonnay Doc Collio 2016.

Sauvignon

I campioni in questo caso erano 23. Risultati controversi: per una batteria ho gridato al miracolo, annata 2017 strepitosa, sauvignon eleganti e misurati, privi di barocchismi, poi sono ritornato sulla terra, comunque parliamo sempre di una qualità complessiva di ottimo livello. Su tutti: Subida di Monte Sauvignon Doc Collio 2017, Pascolo Sauvignon Doc Collio 2017, Komjanc Alessio Sauvignon Doc Collio 2017, Ronchirò Sauvignon Doc Collio 2017, Castello di Spessa Sauvignon Doc Collio 2017, Russiz Superiore Sauvignon Riserva Doc Collio 2013.

Pinot Grigio

Nel Collio si sta puntando molto sul pinot grigio cercando di smarcarsi il più possibile dall’offerta medio bassa che spesso affligge il mercato, l’idea (vincente), nel nuovo disciplinare, è quella di puntare sul Pinot Grigio Superiore DOCG, basse rese e tempi lunghi di affinamento; speriamo la cosa arrivi in porto. Per il momento si cresce pian piano, annata 2017 sicuramente interessante, su tutti: Borgo Conventi Pinot Grigio Doc Collio 2017 e Marco Felluga Pinot Grigio Mongris Doc Collio 2017.

Tags: , , , , , ,

33866565_10214088492680041_4150139572849737728_oNon so chi sia stato il primo a parlare di vino come prodotto culturale, ma trovo sia una definizione autentica, che né rispecchia a pieno identità e reale natura, che è poi quella di raccontare, attraverso un liquido contenuto in una bottiglia, una terra, gli uomini che la abitano e le loro tradizioni. In questo senso l’Italia ha un patrimonio divulgativo inestimabile. Prendiamo per esempio l’Abruzzo, regione spesso dimentica, eppure terra di produttori straordinari: Valentini, Masciarelli, Pepe, giusto per fare qualche nome. Basterebbe questo ad annoverare il patrimonio vitivinicolo di questa regione del centro/sud Italia tra i più interessanti al mondo, ma poi arrivano il piccolo comune di Tollo e la sua DOP Tullum a sparigliare le carte. Parliamo di un abitato di circa 4.000 persone che insiste su 14,96 km quadrati e dista 10 km dall’Adriatico e 25 Km dalla Maiella, tanto che nel mese di maggio capita di stare in mare con i piedi in acqua mentre con lo sguardo puoi ancora vedere le vette innevate del Massiccio.   Proprio per questo motivo, grazie alle notevoli escursioni termiche tra il giorno e la notte, il territorio della Dop Tullum presenta peculiarità diverse dalle altre aree d’Abruzzo. A beneficiarne le uve di Montepulciano, Pecorino e Passerina, anche se, tra tutte, è proprio il Pecorino che qui trova una vocazione davvero unica.

La Dop Terre Tollesi o Tullum è stata riconosciuta con D.M. nel corso dell’anno 2009 e nel 2014 il Consorzio di Tutela Dop Terre Tollesi o Tullum è stato autorizzato ad esercitare il controllo erga omnes. A caratterizzare la Dop la rigidità dei parametri produttivi, tanto che per la prima volta in Abruzzo, sulla base dello studio di zonazione compiuto dal prof. Attilio Scienza, è stato introdotto nel disciplinare il concetto di cru, individuando nei singoli fogli di mappa i vigneti autorizzati all’impianto delle specifiche varietà. Le tipologie attualmente prodotte sono: Rosso Riserva, Rosso, Pecorino, Pecorino Bio, Passerina, Chardonnay Spumante e Passito Rosso.

33899144_10214088490239980_5552966910670274560_oUn po’ di storia

La coltivazione della vite e il consumo dell’uva e del vino a Tollo risalgono all’epoca romana, come dimostrano il rinvenimento di una dolia da vino e da olio e celle vinarie, ma anche di resti di una Villa romana dove la viticoltura aveva un ruolo centrale. La specializzazione viticola si mantiene nei secoli e le dominazioni che si susseguirono a Tollo ne mantennero la specificità, dai Longobardi ai Normanni no al Regno di Napoli. In età medievale, nelle decime degli anni 1308, 1323 e 1325 Tullo o Tullum appare citato, in modo profetico, fra le località che devono prestazioni di “Laboratores seu vinarum” alla Diocesi Teatina. Alle soglie dell’età moderna, nel 1776, nel Regno di Napoli il vino di Tollo era già famoso tanto da essere celebrato nei componimenti poetici del frate Bernardo Maria Valera pubblicati nel 1835, il quale definisce la zona di Tollo come: “Piccola terra nell’Abruzzo Citeriore, e non molto lontana dal mare Adriatico, di amena situazione, e celebre pel suo vino rosso, (rubino) volgarmente detto Lacrima”. Dopo tanti secoli di crescita, nel corso della seconda guerra mondiale, Tollo fu letteralmente rasa al suolo, unico paese in Abruzzo, in quanto il fronte, a partire dal novembre 1943, corse lungo il confine con il territorio di Ortona. Insieme al centro storico andarono distrutte le aziende agricole ed i vigneti. I coltivatori tollesi non si persero però d’animo e, nell’immediato dopoguerra, ripresero la coltivazione della vite. Le dolci colline tornarono a ricamarsi di vigneti. Grazie alla vite, Tollo fu uno dei pochissimi paesi abruzzesi a non essere stato interessato, se non marginalmente, dal fenomeno dell’emigrazione. Iniziò così il rinascimento della viticoltura a Tollo, cammino che fa segnare una tappa cruciale con l’istituzione della DOP Tullum. Oggi Tollo conta oltre 4.000 abitanti e la produzione di vino è tornata ad essere l’attività principale.

33851503_10214088504840345_1442424805985878016_oLa verticale di Pecorino Feudo Antico

Feudo Antico nasce nel 2004 con l’obiettivo di dare una nuova vita agli autoctoni Pecorino e Passerina, prima che questi due vitigni diventassero popolarissimi, addirittura di moda. Nei primi anni del 2000 erano infatti trascurati, vuoi perché necessitavano di impianti a rese limitate, vuoi perché vitigni abbastanza difficili che portano a risultati apprezzabili con grande fatica.  Per i primi reimpianti di Pecorino, viene individuata una piccola tenuta in località San Pietro ed è proprio durante i lavori di preparazione del suolo che vengono alla luce i resti della fondamenta di una Villa romana, di una dolia in terracotta per la conservazione del vino e di una cella vinaria. Un segnale dal passato inconfutabile e un legame indissolubile con gli antenati che stava ad indicare la strada da percorrere non solo per Feudo Antico ma per tutti i viticoltori di Tollo e che ha portato alla nascita della più piccola Dop d’Italia, la Dop Tullum.

Le uve che danno origine al Pecorino Tullum Dop di Feudo Antico provengono dai vigneti che fanno parte del foglio di mappa n.1 e n.3 di località San Pietro e n.11 di località Colle di Tollo. Il sistema di allevamento è la Pergola abruzzese mentre la vinificazione avviene mediante macerazione a freddo delle bucce e fermentazione in serbatoi di acciaio inox a temperatura controllata; affinamento sui lieviti in vasche di vetrocemento per 6 mesi. Il Pecorino, nel comprensorio di Tollo sa esprimersi in maniera incantevole, soprattutto se abbiamo la pazienza e l’intelligenza di dimenticarlo in bottiglia per qualche anno, come ha confermato la verticale di 7 annate svoltasi il 28 maggio presso l’Enomuseo di Tollo. Partendo da un 2016 scalpitante si è arrivati alla 2008, la prima annata in cui è stato prodotto il Pecorino Tullum Dop di Feudo Antico, che forse tra tutte le annate in degustazione è quella che più ha mostrato i segni del tempo. Nel mezzo, la concretezza delle annate 2014 e 2013, il fascino delle annate 2012 e 2011, per arrivare a uno strepitoso 2010.

33624387_10214076007367916_2059859468983730176_nLa storia dei Trabocchi, di Villa Maiella e del mangiare divinamente

In Abruzzo si mangia divinamente, non è un caso che uno dei cuochi più interessanti di sempre, il tristellato Niko Romito, sia abruzzese fino al midollo.  Dietro o forse meglio affianco a Niko Romito un bel movimento di ristoratori prodigiosi, come ad esempio la famiglia Tinari. Il loro ristorante, Villa Maiella, si trova a Guardiagrele in provincia di Chieti ed è uno dei ristoranti di culto di tutto il centro/sud. La cucina è gestita da Arcangelo Tinari, mentre in sala c’è il fratello Pascal, mamma Angela e papà Peppino affiancano, supervisionano e si divertono, affiancati da nonna Ginetta: quando si dice la rappresentazione emblematica della conduzione familiare. La sfoglia grezza al ragù di cinghiale e consommè al caffè e il lardo spalmabile servito con lo zafferano, che sembra butto ma burro non è, valgono il viaggio da qualunque punto d’Italia voi partiate.

Per approfondimenti obbligatori potete digitare http://www.villamaiella.it/

Per la cucina di mare, non si può prescindere da una sosta ad un Trabocco. I Trabocchi, a guardarli bene, sono infernali macchine da pesca che sembrano uscite direttamente da Waterworld , apocalittico film di fantascienza, in parte sottovalutato, del 1995. Eppure hanno una storia antichissima, pare risalgano all’VIII secolo d.C. Dopo un periodo di oblio, grazie ad una legge emanata dalla Regione Abruzzo nel 1994, sono stati recuperati e in alcuni casi diventati di ristoranti di pesce di ottimo livello, come il Trabocco Pesce Palombo nel territorio di Fossacesia in Contrada la Penna località la “Fuggitelle”, di proprietà della famiglia Verì.

Per indispensabili approfondimenti potete digitare http://www.costadeitrabocchi.net/ e http://traboccopescepalombo.it/

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

31542724_10213938859659309_1880050362488979456_nIl tempo, l’ora e la nosiola sono i tre ingredienti indispensabili per ottenere il “passito dei passiti”, ovvero il Vino Santo Trentino. Il tempo perché, anche se il periodo minimo fissato dal disciplinare per l’imbottigliamento è di 4 anni, i produttori preferiscono aspettare molto di più, arrivando fino ad un decennio. L’Ora è il vento che dal lago di Garda soffia da sud verso nord entrando prepotente dalle finestre dei locali dove le uve sono messe a dimora sui graticci per l’appassimento. Poi c’è la nosiola, un’uva autoctona trentina della Valle dei Laghi mai amata e valorizzata per quel che invece meriterebbe. Questi i tre elementi per realizzare la pozione magica che mi piace immaginare sia stata creata, secoli fa, nel Castello di Toblino da qualche alchimista e che fosse il vino con cui si inebriavano nei loro incontri d’amore, sempre al Castello, il principe vescovo Carlo Emanuele Madruzzo e la bella Claudia Particella. Madruzzo era l’ultimo principe dell’omonima dinastia che per 120 aveva governato la diocesi di Trento, Claudia Particella era la sua giovane amante dalla quale il prelato aveva avuto anche dei figli, ma la storia finì in dramma come si può facilmente immaginare. Lasciando da parte miti e leggende, si sa per certo che le prime testimonianze storiche riguardanti il Vino Santo Trentino risalgono al 1648 e sono contenute nelle “Cronache di Trento” dove l’autore, tal Pincio Giano Pirro, elogia l’insuperabile Vino santo prodotto sui Colli di Santa Massenza.31958347_10213938869419553_1383762755382673408_n Nonostante questa nota di 400 anni fa, le prime bottiglie destinate alla vendita furono quelle messe in commercio dalla cantina Angelini Giannotti agli inizi del 1800. Seguirono, nel 1822, le bottiglie di Vino Santo dei Conti Wolkenstein  che dimoravano a Castel Toblino. Fu proprio il cantiniere del castello, Giacomo Sommadossi a presentare per la prima volta il Vino Santo ai concorsi internazionali ottenendo successi lusinghieri. Iniziò così il mito di questo vino rarissimo che lega il proprio nome ad uno sparuto gruppo di aziende (si contano sulle dita di una mano) tra cui la Cantina di Toblino, che, lungimirante, fin dagli inizi della produzione del “passito dei passiti” avviata nel 1965, ha conservato un centinaio di bottiglie per annata. La Cantina di Toblino, magnanima, volendo condividere questo tesoro con uno gruppetto di fortunati, ha organizzato di recente una straordinaria verticale partendo dall’ultima annata in commercio, la 2003, per arrivare a quella della prima vendemmia della Cantina, il 1965. Dal mezzo secolo in archivio sono state scelte per la degustazione le annate 2003, 2000, 1990, 1984, 1978, 1971, 1965. Nessuno dei sette vini ha mostrato segni di cedimento, anzi, a conferma dell’incredibile longevità del Vino Santo, tra tutte le annate quella che più ha lasciato un solco indelebile, anche nel degustatore più insensibile, è stata proprio il 1965, di una complessità inesauribile e al tempo stesso romantico come un bicchiere di Sherry dei più grandi.

31543015_10213938849379052_2236930228884602880_nNonostante tutta questa magnificenza però il Vino Santo Trentino, non riesce a ottenere dal mercato il riconoscimento che meriterebbe. I motivi sono molteplici: troppo piccola la produzione (appena 20 mila bottiglie da mezzo litro, ad opera di un ristretto gruppo di cantine, riunite nell’Associazione Produttori del Vino Santo Trentino), troppo circoscritta la loro diffusione. La Cantina di Toblino però non demorde, anche perché ritiene che questo prezioso nettare possa essere davvero l’emblema di un territorio visitato ogni anno da un elevatissimo numero di enoturisti (e non). Il progetto che mira a ottenere la DOCG potrebbe essere un passo importante in tal senso. Tuttavia, per attirare l’attenzione, senza mancare di rispetto a nessuno, potrebbe essere interessante smuovere le acque, un po’ stagnanti, dell’abbinamento cibo-vino che relegano il Vino Santo Trentino alla consuetudine dei formaggi erborinati, del foie Gras e della pasticceria secca quando va bene, altrimenti si resta imprigionati nella monotona consuetudine del vino da meditazione. Si può osare invece. Prendendo spunto, ad esempio, da quello che sta facendo Francesco Intorcia (Heritage) con i suoi Marsala, abbinati al gelato salato del mago Stefano Guizzetti (Ciacco Lab).A prima vista ci si muove su piani destabilizzanti ma poi le armonie che si creano nell’abbinamento del Marsala con il gelato di ricotta di pecora con bottarga e olio; al gelato di burro e alici sui crostini, oppure al gelato al gusto di brasato su un letto di polenta, ci fanno dimenticare la noia e godere all’inverosimile.

31947655_10213938868099520_3300198599039647744_nCome si ottiene il Vino Santo Trentino

I grappoli esclusivamente spargoli di nosiola, raccolti a mano vengono messi a riposo nei fruttai, distesi sui tradizionali graticci (fatti in passato col fondo in canne, oggi con reti metalliche dalle maglie più o meno fitte) fino ai primi giorni di marzo: un periodo di appassimento che è forse il più lungo a cui venga sottoposta un’uva, durante il quale il peso dei grappoli si riduce di circa un terzo. Responsabile principale del fenomeno è una muffa nobile, la Botrytis cinerea, che in determinate condizioni di temperatura, umidità e ventilazione aggredisce gli acini favorendo l’evaporazione dell’acqua e la concentrazione degli zuccheri. Durante la Settimana Santa, da cui – probabilmente – viene il nome del vino, le uve appassite vengono spremute. Il mosto che si ottiene, dopo alcuni travasi per essere ripulito, viene poi lasciato decantare. La fermentazione avviene in botti di legno (per lo più di rovere) non nuove, durante la quale si verifica anche un lento processo di illimpidimento che accompagna il lungo invecchiamento del vino. Il tipo di botti, la composizione dei mosti, la resa dei lieviti sono tutti fattori che possono incidere sul risultato finale. L’imbottigliamento avviene dopo quattro anni dalla vendemmia (periodo minimo fissato dal disciplinare) ma la maggior parte dei produttori aspetta molto di più, dai 7 ai 10 anni.

Tags: , , , , , , , , , , ,

30708921_10213806624553514_4203428988732833792_oAnche per questa edizione di Vinitaly, la cinquantaduesima, il finale è apparso piuttosto scontato. Un po’ come succede in quei film hollywoodiani apocalittici infarciti di americanismo dove gli yankee, dopo una lotta cruenta con gli alieni, salvano la terra minacciata e tutti, anche se malconci, vivono felici e contenti. Il cliché non si discosta per Vinitaly. Mentre scorrono i titoli di coda, puntuale, arriva il comunicato stampa di Verona Fiere con numeri da capogiro a sancire il successo della manifestazione, e puntuale arriva anche la polemica, più o meno accesa, sulle mancanze e le inadempienze della kermesse veronese. Quest’anno il carico da novanta l’ha messo Arturo Ziliani, responsabile di produzione della Guido Berlucchi. La questione è nota e riguarda l’eterno problema del traffico e della gestione della logistica che metterebbe a dura prova la pazienza dei compratori stranieri, abituati a ben altri livelli di organizzazione. 30738470_10213806627353584_7851197455424028672_oZiliani è risoluto nel dire basta a Vinitaly non solo per se, ma per tutte le cantine franciacortine, tanto da proporre la mozione alla prossima riunione del Consorzio. Vedremo. Resto convinto che Vinitaly continui a rappresentare una straordinaria occasione per scoprire talenti vinicoli e umani e per rivedere amici vicini e lontani, proprio perché concentra gran parte della produzione italiana (e non solo) in un unico luogo. Percorrendo infatti solo qualche centinaio di metri a piedi, puoi toccare tutte le regioni della Penisola, un giro d’Italia vinicolo che non ha eguali. 17880109_10210784308317497_2736390125456152268_oBene, svolto quest’argomento di prammatica, volendo tirare le somme, mi sono fatto il classico domandone, anche questo un po’ hollywoodiano, del tipo: “Quali sono i 3 vini, tra quelli assaggiati in questa edizione, che porteresti su un’isola deserta?” Non è stato difficile rispondermi, perché nei giorni del post Vinitaly non ho fatto altro che pensare all’Ottouve Gragnano della penisola sorrentina 2017 di Gilda Guida e Salvatore Martusciello, al Nuragus di Cagliari 2017 di Antonella Corda e al Kikè Traminer Aromatico 2017 delle marsalesi Cantine Fina.  Nessun nome altisonante, tre vini d’annata, che ho avuto la fortuna di assaggiare per la prima volta o di riassaggiare. Tre vini, vivaddio, fatti apposta per il cibo, aspetto che, sarà colpa della vecchiaia che avanza, ricerco sempre di più in un vino.

Già che c’ero, ho approfittato per chiedere a Antonella Corda e Federica Fina le loro veloci impressioni sulla cinquantaduesima edizione di Vinitaly:

Antonella Corda

Antonella Corda

Antonella Corda

Tanti anni di lavoro in campagna e cantina si sono concretizzati in diverse ed intense degustazioni con critici nazionali ed internazionali al Vinitaly.
I riscontri ricevuti sono stati per noi entusiasmanti e ci danno l’idea che la strada che abbiamo iniziato a percorrere è quella giusta.
Decisamente incoraggiante è stata anche la scelta di stare all’interno della collettiva FIVI.
Postazione condivisa con un azienda della Basilicata, spazi ristretti e grande collaborazione. Mercoledì in chiusura fiera lo spazio FIVI sembrava un incontro di produttori che si conoscevano già da tempo. Assaggi incrociati tra aziende e dibattiti sulle tecniche bio biodinamiche ed omeopatiche più estreme.. insomma ci sentivamo a casa.

Federica Fina

Federica Fina

Federica Fina

Mai come quest’anno si sono ridotti all’osso i disagi dovuti ai visitatori “perditempo”, tutti coloro che sono passati per il nostro stand i ci sono apparsi realmente interessati ed appassionati al vino; con un crescente numero di operatori del settore. Inoltre, pur sapendo  che Verona sia leggermente sottodimensionata dal punto di vista delle infrastrutture per  un evento di portata mondiale come Vinitaly, mantiene comunque un fascino indiscutibile; è meraviglioso incontrare per le vie del centro buona parte degli amici che ritroviamo durante l’evento fieristico. Una passeggia a fine giornata con vista Arena, ripaga certamente di tutta la stanchezza, delle code  e del traffico.

Tags: , , , , , , , , ,

25442906_1556067954458853_4899141611723481991_nNei giorni scorsi l’assemblea dei soci del Consorzio Tutela Vino Lessini Durello ha approvato la nuova impostazione dei disciplinari di produzione, andando a identificare con chiarezza il nome del vino spumante ottenuto con Metodo Martinotti /Charmat e quello ottenuto da Metodo Classico. Il passaggio ha l’obiettivo di identificare con chiarezza le due tipologie, evitando di generare confusione sia per il mercato sia per il consumatore finale.  Resta però, a mio avviso, un punto dal quale non si può prescindere ovvero valorizzare a pieno l’uva durella, ottenendo degli spumanti Martinotti/Charmat del tutto personali evitando di ritrovare in bottiglia vini in tutto e per tutto simili al Prosecco.

Di seguito il comunicato stampa del Consorzio che approfondisce l’argomento.

Lessini Durello: Un’anima, due denominazioni

Si chiamano “Lessini Durello” Metodo Italiano e “Monti Lessini” Metodo Classico le due distinte identità che l’assemblea dei soci ha deciso di dare allo spumante berico/veronese.
Con la dicitura “Lessini Durello” verrà indicato solo lo spumante prodotto in autoclave con metodo Martinotti, mentre la denominazione “Monti Lessini”, finora dedicata ai vini fermi, cambia pelle e diventa la casa ideale per lo spumante ottenuto con rifermentazione in bottiglia. Una scelta coraggiosa per questa DOC a 30 anni dalla sua nascita e che ha superato nel 2017 il suo primo milione di bottiglie.

«La denominazione ha avuto una crescita importante negli ultimi 5 anni, diventando la quinta DOC spumantistica italiana – spiega Alberto Marchisio, presidente del Consorzio tutela vino Lessini Durello –  Il prodotto è sempre più richiesto anche dai mercati esteri e i produttori hanno sentito l’esigenza di fare chiarezza per il consumatore finale; in questo modo i due metodi di produzione saranno ben distinguibili e questa distinzione permette di sviluppare il potenziale di entrambi.»
Una scelta arrivata dopo il successo di Durello and Friends dello scorso novembre, dove i festeggiamenti dei 30 anni hanno portato tutti i produttori a un’importante riflessione sul futuro di una denominazione in decisa crescita, testimoniata dall’apprezzamento da parte dei consumatori, soprattutto quelli più giovani.

La zona di produzione

La zona di produzione del Lessini Durello si trova sulle colline tra Verona e Vicenza. Sono coltivati a Durella 366 ettari sulle colline veronesi e 107 ettari su quelle vicentine. Sono 428 i viticoltori che coltivano quest’uva autoctona.
Ad oggi le aziende socie del Consorzio del Lessini Durello sono 33:

Az. Agr. Bellaguardia, Ca d’Or, Casa Cecchin, Cantina di Monteforte d’Alpone, Cantina di Soave, Az. Agr. Casarotto, Cavazza, Collis Veneto Wine Group, Az. Agr. corte Moschina, Dal Cero, Cantina Dal Cero, Cantina Fattori, Franchetto, Az. Agr. Dal Maso Nicola,  Az. Agr. Fongaro, GianniTessari, Marcazzan Fabio, Az. Agr. Masari, Az. Agr. Montecrocetta, Az. Agr. Sacramundi, Az. Agr. Sandro De Bruno, Az. Agr. Tamaduoli, Az. Vitivinicola Tirapelle, Cantina Tonello, Cantine Vitevis, Az Agr. I Maltraversi, Cantine Riondo, Cantina Valpantena, Cantine Marti, Family of Wine, Enoitalia, Cantina Denese, Az. agr. Zambon Vulcano.

Tags: ,

Inzia la vendemmia 2018 a Mendoza, Roberto Cipresso ci racconta qual è il segreto per ottenere un grande vino.

Tags: , ,

28235423_10213406732716468_5342466980977447249_oSul treno metropolitano che da Torino Porta Susa arriva a Fossano, a ogni fermata, sale varia umanità. Dal finestrino scorrono la periferia, terra di tutti e terra di nessuno, e quell’ambiente antropizzato e industriale che ha definitivamente cancellato il paesaggio rurale. Più che il Piemonte sognato in “Paesi tuoi”, o ne “La luna e i falò di Pavese, viene in mente lo sguardo rassegnato di Giorgio Bocca che racconta, nel film documentario di Paolo Casalis “Langhe Doc”, come “Nel breve spazio della sua lunga vita” l’Italia fosse cambiata in maniera spaventosa. Bocca ci ricorda come le Langhe, universalmente riconosciute come uno dei luoghi più belli d’Italia, rischiassero di diventare a causa dell’urbanizzazione, della cementificazione ma anche del progressivo abbandono dei mestieri meno redditizi, l’ennesimo tassello dell’”Italia dei capannoni”.  Arrivato a Savigliano, comunque non molto distanti dalle Langhe, questa sensazione si fa sempre più forte. Volgendo un rapido sguardo al paese operaio, dove si costruiscono i treni per l’alta velocità, la paura, per chi, colpevolmente come me, non è venuto spesso da queste parti, è di non ritrovare più i propri miti. Poi, fortunatamente, davanti al piazzale della stazione arriva il dolce sorriso di Vanina Carta, giovane presidentessa del Consorzio dei Vini Doc Colline saluzzesi, a rinfrancarmi.  Vanina, oltre che compagna di vita di Michele Antonio Fino, mitico professore dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, è anche titolare di quella bellissima realtà che è l’azienda agricola Cascina Melognis, micro cantina situata sulle colline di Revello. Percorrendo in macchina il breve tratto di strada che da Savigliano porta a Saluzzo, l’appassionato racconto che mi fa Vanina della sua terra e dei prossimi progetti della piccola ma combattiva Doc, accompagnati a un paesaggio via via più consono al Piemonte sognato, inizia a rincuorarmi. Qui la prima sorpresa: nonostante la Doc abbia poco più di vent’anni, i vitigni autoctoni delle Colline Saluzzesi come Quagliano, Chatus, Pelaverga erano già diffusi addirittura prima del marchesato di Saluzzo e quindi sono tra i più antichi del Piemonte.

Alberto Dellacroce e Vanina Carta

Alberto Dellacroce e Vanina Carta

Il progetto vino Colline Saluzzesi, mi dice Vanina, è parte integrante del più ampio progetto “MOVE”. Move è l’acronimo di Monviso and Occitan Valleys of Europe ed è stato scelto anche per il suo significato inglese, movimento, che esprime bene la volontà di muoversi che ha unito insieme le Valli che si sentono collegate al profilo inconfondibile del Monviso (Stura, Grana, Maira, Po, Varaita) e la pianura Saluzzese che ne fornisce lo sbocco naturale. L’obiettivo è quello di presentare ai turisti l’ambito territoriale delle terre del Monviso nel suo complesso, un contesto unico, caratterizzato da un patrimonio culturale straordinario, un ambiente montano incontaminato, una produzione agroalimentare di eccellenza.  Proprio per valorizzare appieno il comparto agroalimentare è stato realizzato l’Atlante dei sapori del Monviso. Oltre 100 pagine di ricette, prodotti e produttori scrupolosamente censiti dall’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Oltre 80 prodotti, suddivisi in 7 categorie. Materie prime e dei cibi caratteristici del territorio compreso tra le Valli Stura, Grana, Maira, Varaita, Po, Infernotto-Bronda e la Pianura del Saluzzese. Carne, pesce e salumi, formaggi, frutta, ortaggi, funghi, tartufi, spezie, miele e dolci, specialità alimentari, birre, liquori piante officinali e naturalmente il vino.

 

Colline Saluzzesi – Un po’ di storia

La storia della viticoltura del Saluzzese risale a tempi antichissimi. Alle recenti esplorazioni dell’Università di Torino, tuttora in corso, si deve, infatti, la straordinaria scoperta a Castigliole Saluzzo di una villa rustica di età romana. Questo complesso produttivo, una vera e propria azienda agricola di età imperiale, attiva tra il I e il III secolo d. C., ospitò anche un impianto vinicolo, il primo noto in Piemonte per questa epoca. La viticoltura ha sempre occupato un ruolo importante nella cultura del Saluzzese, infatti, fu anche per favorire gli scambi commerciali che il Marchese di Saluzzo Ludovico II fece sistemare, all’inizio del Cinquecento, le strade delle vallate e fece aprire il cosiddetto Buco di Viso per esportare il vino nel Delfinato e importare il sale lungo quella che poi prese il nome di Via del Sale. L’area di produzione comprende il territorio di numerosi comuni del Saluzzese ed è particolarmente favorita dal punto di vista climatico, ciò ha permesso che, nonostante la forte concorrenza delle colture frutticole particolarmente sviluppate in questa zona, alcuni vigneti potessero essere conservati. Il vitigno Pelaverga, documentato fin dai tempi dei romani, fu apprezzato in particolare dal Papa Giulio II cui veniva inviato il vino dalla marchesa Margherita di Foix, come annotato da Giovanni Andrea del Castellar nel suo Charneto. Tale vitigno è presente soprattutto in Valle Bronda, mentre la coltivazione del Quagliano, anch’esso vitigno autoctono della zona e documentato per la prima volta nei bandi campestri della città di Busca pubblicati nel 1721, è localizzata soprattutto lungo la dorsale collinare che da Saluzzo arriva fino a Busca e in particolare a Costigliole Saluzzo. L’uva del Quagliano è caratterizzata da ottime qualità organolettiche e per questo spesso viene consumata anche come uva da tavola.

I produttori del Consorzio Colline Saluzzesi.

I produttori del Consorzio Colline Saluzzesi.

 Colline Saluzzesi – Il Vino

Oggi, nel Saluzzese, pur restando marginale dal punto di vista economico, la viticoltura rappresenta l’unica alternativa alla perdita dei vitigni che ancora resistono all’estinzione come il Pelaverga, lo Chatus, la Neretta cuneese, e altre varietà più rare, come il Gouais blanc e lo Chasselais, recuperate nelle fasce montane delle valli attorno al Saluzzese (Maira e Stura) da Alessandro Reyneri di Lagnasco e faticosamente fatte rivivere nella tenuta Vigna San Carlo a Saluzzo. Alle Colline Saluzzesi afferisce una ricchezza di espressioni e di caratteri spiccatamente montani, che rimanda alla grande famiglia della viticoltura alpina, a cui appartengono noti terroir di Valle d’Aosta e Trentino e Alto Adige, dove operano piccoli produttori che ancora mantengono saldo il rapporto con la terra e vinificano in un contesto di microproduzione che garantisce la filiera vigna-bottiglia.

 

Colline Saluzzesi – gli assaggi

Colline Saluzzesi Doc Pelaverga. Chiamato Cari (nel Chierese) e un tempo anche Uva coussa, ovvero “uva delle zucche” (nell’Astigiano), non va confuso con il Pelaverga piccolo coltivato nei dintorni di Verduno, che è un vitigno diverso, né con il Peilavert canavesano e biellese (sulle colline di Salussola e Cavaglià), che corrisponde al Neretto duro. Oggi il Pelaverga  si trova esclusivamente nel Saluzzese (Saluzzo e Valle Bronda) e nel Chierese. Ho assaggiato 4 espressioni di Pelaverga annata 2016, accomunate tutte da delicate note floreali e da una gradevolissima speziatura. Se il “Divicaroli” di Cascina Melognis è uno straordinario e inusuale vino da aperitivo, il Pelaverga della Soc. Agr. Produttori Pelaverga Castellar risente della magia del luogo di origine, la collina di Castellar ed è uno di quei vini che non ti scordi più.

Vini rossi (base Barbera) e Colline Saluzzesi Doc Barbera. Ho trovato estremamente piacevoli sia il Vino Rosso “Barbera” dell’Az. Agr. Serena Giordanino 2016 sia la Colline Saluzzesi Doc Barbera  dei Produttori Pelaverga Castellar 2016. Naturalmente il paragone con la Barbera d’Asti è inopportuno quanto meno inutile, Piemonte sì, ma zone diverse. Questa Barbera del Saluzzese mi è sembrata delicata, di estrema bevibilità.

28423086_10213406691555439_4989267391390999180_oColline Saluzzesi Doc Rosso si ottiene da uve provenienti dai seguenti vitigni: Barbera, Chatus, Nebbiolo, Pelaverga, per il 60% da soli o congiuntamente e 40% Vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione nella regione Piemonte.  Mi hanno colpito in particolare l’Ardy” 2015 di Cascina Melognis da uve Barbera e Chatus, con maturazione in barriques di terzo/quarto passaggio per 18 mesi e affinamento in bottiglia di almeno 4-6 mesi e “Pensiero” dei Produttori Pelaverga Castellar 2013. Nel nome di questo vino è già racchiusa tutta la sua essenza e fascino che poi si riscontra anche all’assaggio. Il pensiero è  strettamente legato a un appezzamento di terreno particolarmente difficile da coltivare per l’estrema pendenza che lo caratterizza. Questa difficoltà di raggiungimento da parte dei mezzi agricoli non ha per nulla ostacolato l’idea di realizzare un vigneto che, dopo anni di preparazione, ha iniziato a dare i suoi buoni frutti. Si tratta, infatti, della vigna, strutturata a gradoni, più elevata nel Comune di Castellar, situata a un’altitudine superiore ai 500 mt. Con esposizione a sud-ovest. Questo vino che è il risultato di un assemblaggio di due vitigni autoctoni: la Barbera (60%) e lo Chatus (40%).

Colline Saluzzesi Doc Chatus. Lo Chatus, a seconda della zona di diffusione, è chiamato in modo differente: Nebbiolo di Dronero, Bourgnin, Neretto, Brunetta e Scarlattin, Brachet ma “Chatus” è la sua denominazione corretta e registrata all’Anagrafe Vitivinicola Nazionale. In Piemonte le sue uve servono a conferire corpo e struttura nei tagli o negli uvaggi locali, ma ho avuto la fortuna di assaggiarlo in purezza e in due annate differenti grazie alla Soc- Agr. Tomatis Dario & Figli, “Neirantich” 2016 e 2013.  È stato amore a prima vista, anzi a primo sorso.

Colline Saluzzesi Doc Quagliano. Il Quagliano è un vitigno raro, di origini antichissime, si può produrre secco, spumante e da mosti parzialmente fermentati, questi ultimi ottenuti attraverso l’arresto della fermentazione quando il tenore zuccherino è ancora elevato. Nella versione da dessert (spumanti e MPF) diventa imbattibile vino per l’abbinamento con panettoni,  colombe e focacce dolci. Il Quagliano 2017 di Giampiero Fornero e 2016 di Serena Giordanino sono vini che, se non stai attento, fanno perdere l’aplomb.

In conclusione, l’impressione generale che se ne ricava è di una Doc in grande movimento con un lavoro di prospettiva molto interessante e  che merita, non solo da parte degli addetti ai lavori ovviamente,  tutte le attenzioni e gli approfondimenti possibili.   Oltre ai produttori sopra citati è doverosa anche una menzione per Casa Vinicola F.lli Casetta, Vigna Santa Caterina, Azienda Agricola Emidio Maero, Azienda Agricola Vigna San Carlo, Azienda Agricola Paolo Bonatesta, Azienda Agricola Bric Piu.  Vanina Carta dice che “La nostra è una realtà di nicchia e bisogna puntare su un consumatore che cerca le particolarità enologiche. Questa è proprio l’ultima tendenza del mercato: quindi è il momento”, ne sono convintissimo anch’io, è proprio il vostro momento produttori del Consorzio di Tutela Colline Saluzzesi.

Per ulteriori approfondimenti http://www.visitmove.it/

Tags: , , , , , , , , , , , ,

I vigneti di Contrà Soarda

I vigneti di Contrà Soarda

L’essenza del viaggio stampa a Breganze per la Prima del Torcolato è racchiusa nel tinello della casa -cantina di Firmino Miotti. Sua moglie Pina ha preparato per cena una minestra di fagioli, cotechino e polenta, naturalmente prima di iniziare, come nella migliore tradizione vicentina, Franca, figlia di Firmino e cantiniera di famiglia, ha tirato fuori dal cilindro una sopressa con i fiocchi.  Ad accompagnare questo cibo antico, ma senza tempo, gli autoctoni dimenticati: groppello, gruaio, pedevendo, marzemina bianca. I vignaioli, a turno, con una sorta di timida fierezza parlano del loro vino, la storia della loro famiglia. Grazie anche ai racconti di Firmino veniamo proiettati in un mondo arcaico, che sembrerebbe rimasto intatto se non fosse per qualche sguardo a quel maledetto smartphone, feticcio ingombrante che ti riporta alla realtà. Quel paio di ore passate a casa di Firmino resteranno indimenticabili, proprio perché raccontano la storia di tutti, indigeni e forestieri, raccontano del nostro passato, di una cultura contadina con la sua sacralità, i suoi miti, che sono una sorta di patrimonio genetico che non dobbiamo disperdere mai, per nulla al mondo, pena l’estinzione. Certo il luogo Breganze aiuta a immedesimarsi, mantiene ancora intatto il suo paesaggio rurale, dolci colline e declivi e vigneti, dove il ritmo può essere ancora lento, un luogo dell’anima.

Il Territorio in breve

Breganze si estende in una striscia di terra collinare, venti chilometri in tutto, fra i fiumi Astico e Brenta. Un paesaggio che, nonostante l’urbanizzazione, ha salvato le splendide Ville Venete e incantevoli borghi come Bassano del Grappa, Schio, Thiene, Marostica. Breganze è famosa per le sue numerose Colombare (torri colombaie), costruzioni tipiche del paesaggio rurale fin dal medioevo, legate in particolare ai regimi feudali, che si servivano dell’allevamento dei columbidi per diversi scopi, dall’impiego in agricoltura alla difesa. Senza dimenticare, ovviamente, i prodotti dell’enogastronomia del territorio riconosciuti a livello europeo: il formaggio Asiago Dop, la sopressa vicentina Dop, l’asparago bianco di Bassano Dop, la ciliegia di Marostica Igp, il mais Marano e piatti prelibati come il bacalà alla vicentina, il toresan (colombo) allo spiedo o i bigoi co’ l’arna.

I produttori del consorzio Breganze Doc

I produttori del consorzio Breganze Doc

Vespaiola, introduzione al vitigno autoctono di Breganze

Il vitigno autoctono per eccellenza di Breganze è la vespaiola, uva a bacca bianca coltivata esclusivamente nella zona D.O.C. Breganze. È una varietà di uva che ha un ciclo vegetativo molto lungo e che matura abbastanza tardi. Ha bisogno di una potatura lunga, poiché i germogli che escono dalle prime gemme non sono fertili e i grappoli sono piccoli.  Il nome vespaiola deriva dal fatto che l’uva esercita un’attrazione particolarissima sulle vespe, sedotte dal suo profumo e dall’alto contenuto in zuccheri del mosto. Alla fine di settembre quando i grappoli diventano gialli e dorati l’uva viene vendemmiata. Il Breganze D.O.C. Vespaiolo, almeno per quanto ho potuto assaggiare, non è vino da lasciare per troppo tempo in cantina, dà il meglio di se entro due anni dalla vendemmia, naturalmente qualche eccezione esiste.  Il disciplinare ne prevede anche la spumantizzazione secondo il metodo Charmat/Martinotti e ovviamente Metodo Classico ma è nella versione ferma che la vespaiola esprime in tutta la sua esuberanza mentre per la magnificenza dobbiamo cercarne la versione dolce o botritizzata del Torcolato. Grazie alla sua naturale spiccata acidità si sposa a meraviglia con i grandi piatti della cucina vicentina come il bacalà e l’asparago bianco di Bassano D.O.P. Nella pedemontana vicentina su un totale di 600 ha vitati 60 circa vengono coltivati a vespaiola. Nel 2016 sono state prodotte circa 310.000 bottiglie di Breganze D.O.C. Vespaiolo di cui 180.000 Vespaiolo fermo, 80.000 Vespaiolo Spumante e circa 50.000 di Torcolato. Ah, dimenticavo, i produttori di Breganze discendono direttamente da Gaetano Bresci, nel senso che sono votati all’anarchia, 12 versioni di Vespaiolo assaggiate e quasi tutte diverse, vitalità e libertà, bravi.

 26961608_10213105049894586_8265131200416598020_oIl Torcolato

Indubbiamente il vino più famoso di Breganze. Il dolce non dolce di Veronelli, celebrato fin dal seicento da letterati, storici e appassionati di enogastronomia, è un vino che è sintesi di modernità e tradizione, che ha saputo conquistare un’importante nicchia di mercato nazionale e internazionale, donando lustro e prestigio alla Denominazione d’Origine Controllata “Breganze”. I grappoli di vespaiola più belli, sani e spargoli vengono vendemmiati separatamente e riposti, attorcigliati (“torcolati”, nel dialetto locale) a una corda, appesi a travi di legno, nelle soffitte ben aerate delle case contadine nelle colline breganzesi, in modo da scongiurare la possibilità che possano ammuffire, dove rimangono ad appassire per circa quattro mesi fino al gennaio successivo. Durante questo periodo gli acini perdono gran parte dell’acqua contenuta, favorendo un’elevata concentrazione degli zuccheri. È il momento di torchiarli, ed è proprio questa pratica a dare nome al vino: Torcolato significa, infatti, torchiato. Ciò non implica, però, che l’uva venga strizzata sino all’ultima goccia di succo, come il termine torchiatura può lasciare intendere. Vuol dire, meno drammaticamente, separare, ma sofficemente, il mosto dalle bucce e dai vinaccioli, in modo che questi non trasmettano sostanze tanniche al vino. Dopo una lenta fermentazione il vino riposa in piccole botti anche per più di due anni e, comunque, non può essere immesso al consumo prima del 31 dicembre dell’anno successivo alla vendemmia. Fausto Maculan, protagonista del lancio di Breganze nel mondo e protagonista del “Rinascimento” del vino italiano negli anni Ottanta del secolo scorso, assieme alle figlie Angela e Maria Vittoria, solo nelle annate che lo consentono, ne fa anche una straordinaria versione muffata, l’Acininobili. La scelta degli acini attaccati da Botritis cinerea è maniacale, due anni di affinamento in barriques nuova di Allier e sei mesi in bottiglia.

I vini della degustazione Autoctoni dimenticati

I vini della degustazione Autoctoni dimenticati

 Gli assaggi migliori

La mia, davvero, non vuole essere captatio benevolentiae ma tutti i vignaioli breganzesi hanno presentato in questo viaggio stampa, chi per un motivo, chi per un altro, vini importanti, in alcuni casi delle vere e proprie perle enologiche. Le sessioni di degustazione sono state divise in aree tematiche. Per la Vespaiola, introduzione al vitigno autoctono di Breganze, ricordo con grande piacere il Vespaiolo 2016 di Azienda Agricola Cà Biasi di Innocente Dalla Valle, il Vespaio 2016 di IoMazzucato e il Vespaiolo Soarda 2016 di Vignaioli Contrà Soarda di Mirco Gottardi. Più immediati i primi due, più ricercato il Soarda, due modi diversi di intendere la vespaiola ma altrettanto efficaci. La DOC Breganze ha un’enclave nelle colline a ridosso di Bassano del Grappa, ai piedi dell’Altopiano di Asiago. Parliamo di veri e propri cru, dove, più degli autoctoni, sono i vitigni internazionali a esprimersi in maniera sublime. Per la degustazione Passaggio A Nordest le colline del cru Bassano, cito l’Angarano Bianco 2016 di Villa Angarano e il Vignasilan 2013 di Contrà Soarda, entrambi da vespaiola in purezza, entrambi vini di assoluta classe e profondità.  Come dimenticare poi Il Cavallare 2012 di Vigneto Due Santi di Stefano e Adriano Zonta (in questa annata da un blend 50% merlot e 50% cabernet franc). Ho scambiato quattro chiacchere a fine degustazione con Stefano, vignaiolo di grande umiltà e sensibilità, non è enologo, né agronomo, un giorno è stato folgorato dai profumi della vendemmia, una vocazione laica improvvisa. Per la serie ragazzi guardate che qui non siamo in Borgogna ma a Bassano, due perle assolute, il Vignacorejo 2008 pinot nero di Vignaioli Contrà Soarda e il Cà Michiel 2012 da uve chardonnay in purezza di Villa Angarano. Poiché non siamo nemmeno a Bordeaux, Villa Angarano tira fuori un Quare di Angarano 2008, 100% cabernet sauvignon, giusto per mettere in difficoltà chi degusta. Per non variare sul tema la degustazione I Bordolesi a Breganze, storia di un’acclimatizzazione, ha messo a confronto in un’interessante verticale il cabernet Breganze Doc riserva “Kilò” di Cantina Beato Bartolomeo nelle annate 2013, 2008, 2003 e 1998 e il Crosara di Maculan 100% merlot nelle annate 2013, 2007, 2005 e 2004. Naturalmente parliamo di due vini dal peso specifico diverso, il Crosara è un grande merlot italiano che ha trovato nell’assaggio dell’annata 2004 il suo stato di grazia. Sorprendente ancora per potenza, visto che parliamo di un vino di vent’anni, è stato il Kilò 1998, considerando poi il prezzo base da cui parte, c’è da rimanere scioccati in senso positivo ovviamente. La degustazione Autoctoni dimenticati è stata l’apoteosi proprio perché ha presentato vini inaspettati e buonissimi: il Pedevendo 2015 da uve pedevenda in purezza e il Fondo 53 (31% pedevenda, 31% marzemina bianca, 31% vespaiola e 7% gruaja) di Firmino Miotti, due rifermentati in bottiglia tra i più buoni che abbia mai assaggiato. Il Groppello 2016 di Col Dovigo da uve 100% groppello, un vino da avere sempre in cantina per berlo in ogni momento della giornata, e poi la Sampagna di Emilio Vitacchio da uve marzemina bianca in purezza. Uno Charmat talmente sbarazzino e piacevole da perderci la testa a un prezzo incredibile che mette in fila, senza fare nomi, bollicine identiche per tipologia molto più blasonate. Dulcis in fundo l’ (Ante) Prima del Torcolato. Anche qui tanti begli assaggi ma su tutti mi hanno colpito il Torcolato: Col Dovigo 2015, Firmino Miotti 2010 e Emilio Vitacchio 2014 dove il dolce non dolce di Veronelliana memoria ha trovato il suo equilibrio perfetto. In realtà non è finita qui, perché all’appello mancano Roberto Benazzoli (Le Vigne di Roberto) e il suo Prime Rose Metodo Classico, 90% pinot nero e 10% vespaiola, 36 mesi sui lieviti, il giusto modo per iniziare o per finire e allora  prosit dolci colline di Breganze.

Crediti:

  • Chiara Pigato – Tesi di Laurea Magistrale in Filologia Moderna Anno Accademico 2016/2017 “Virgilio Scapin e la “vicentinità” romanzi e altre storie.
  • Maurizio Veladiano, “Magnasoète”, testimoni di un mondo ormai lontano, “Il giornale di Vicenza”, 20 ottobre 1996 per il titolo dell’articolo.

Spirito guida: Virgilio Scapin, scrittore, attore e libraio.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Older Posts »