Feed on
Posts
Comments

Succede spesso, quando si parla di vini Friulani, che vengano nominati i soliti noti. I “Super Whites” sono sulla bocca di tutti, è facile, non voglio dire banale perché comunque si parla di prodotti di ottima fattura, ma comodo sicuramente, si rischia davvero poco. Sono convinto che anche per quella meravigliosa terra che è il Friuli Venezia Giulia sia arrivato il momento di cominciare a guardare oltre, sia arrivato il tempo di raccontare storie nuove, storie come quelle di Daniele Drius, persona di grande umiltà che a metà degli anni novanta ha affiancato nonno Enrico nella conduzione dell’azienda di famiglia dandole nuova linfa, senza dimenticare la tradizione, ma con grande attenzione all’innovazione; è nata così l’azienda agricola Simon di Brazzan. L’azienda si trova a Brazzano di Cormons (siamo nella DOC Isonzo) ed è uno straordinario esempio di azienda a  conduzione familiare. Quando arrivi, oltre a Daniele, ti accoglie anche nonno Enrico che ha passato da qualche anno i novanta ma si sveglia tutte le mattine per lavorare in vigna e la carismatica mamma di Daniele, che da una mano in azienda per la contabilità. Dopo le presentazioni di rito  si passa  nel tinello della casa per la degustazione. Non aspettatevi mirabolanti sale  progettate dal qualche architetto di grido, niente fronzoli e lustrini, qui si bada al sodo; Daniele stappa le bottiglie e comincia a raccontare…

I vini dell’azienda degustati:
Pinot Grigio 2006: come natura vorrebbe, nel suo colore ramato che nella straordinaria ed intrigante versione magnum si accentua di molto (la macerazione sulle bucce dura 18 giorni)
Sauvignon: gran bel vino al naso e in bocca, un sauvignon di bella beva e non eccessivamente “caricaturale” come da queste parti spesso avviene
Blanc di Simon (Tocai Friulano 100%) prodotto anche nella versione magnum: grande naso e tocai di quello vero (finalmente).
Merlot 2006 prodotto anche nella versione magnum: è sicuramente il gioiello di famiglia, un merlot straordinario per struttura e intensità che nella versione magnum raggiunge vette altissime di piacevolezza.

Leave a Reply