Feed on
Posts
Comments

In viaggio verso Santa Maria di Leuca, passando per Lucugnano (borgo nelle vicinanze di Tricase), per un puro caso il mio sguardo si fa catturare da un castelletto situato in una piazza; faccio appena in tempo a leggere la scritta “trattoria” che campeggia sulle antiche mura, ma è un attimo, nonostante la velocità della macchina non sia elevata sono già passato oltre. Non so perché ma qualcosa mi dice che in quel posto si mangia bene e visto che a Santa Maria di Leuca, non è consigliabile mangiare, almeno questo mi hanno detto gli autoctoni, al ritorno mi fermerò proprio al Castello (naturalmente dando un occhio anche ai prezzi, perché la vacanza è lunga e io non sono milionario).

Il Castello di Momo – Trattoria tipica con cucina
Ho deciso di scrivere del Castello di Momo, tra tutti posti in cui sono stato a mangiare nella mia recente vacanza nel Salento, perché solo in quel luogo ho trovato la “tempesta perfetta”: qualità del cibo notevole, ambiente molto evocativo, cortesia e attenzione al cliente, carta dei vini se pur contenuta, ricca delle perle del Salento e non ultimo un ottimo rapporto qualità/prezzo.
Tanto per rendere l’idea, la trattoria è situata all’interno di un castello del cinquecento, che era la sede del Palazzo Baronale dei Capece, nobile famiglia di terra d’Otranto. Di quell’antico castello oggi rimane solo il torrione e anche se la restante parte è stata oggetto di vari rimaneggiamenti, rimane immutato il fascino di un luogo che è davvero magico.

Al Castello di Momo potrete davvero gustare la cucina tipica salentina con i piatti preparati secondo le antiche ricette della tradizione. Stupendo l’antipasto della casa fatto con polpette alla menta, crocchette di patate e di melanzane, verdure grigliate, ortaggi gratinati, parmigiana, pitta di patate, ingannamariti, peperonata. L’antipasto dei Fritti fatto con le Pittule o Pettole, davvero da urlo (tanto per essere prosaici).

Poi i primi con la pasta (orecchiette, sagne, la tria, ecc.) lavorata rigorosamente a mano e i secondi: Involtini al sugo di pezzetti di cavallo, grigliata mista di carne, tagliata con pomodorini rucola e grana, filetto con pesto di rucola, con crema di funghi o al pepe verde, polpo (o calamaro) alla pignata. E per finire i dolci: dallo spumone (gelato artigianale preparato secondo una ricetta tradizionale) e i dolci della casa come crostate alla frutta e il pasticciotto alla crema da accompagnare con un buon caffè o a delle grappe o dei distillati.
Senza tanti giri di parole davvero imperdibile!

Il Vino
Anticaia Salice Salentino Rosato Dop 2010 – Cantina San Donaci
Negroamaro 90 %, Malvasia 10 %
Uno splendido rosa cerasuolo. Al naso, oltre alla frutta (delicati sentori di sottobosco) e ai fiori (petali di rosa) anche un leggero sentore di carne. Bella la freschezza e la sapidità, in grado di abbinarsi perfettamente alle varie pietanze della cena. Un vino dal grande rapporto qualità/prezzo. Da bersi rigorosamente fresco.

One Response to “Il Castello di Momo”

Leave a Reply