Feed on
Posts
Comments

1527018_10201949907663002_1351339711_nAssaggiando la Riserva Pas Dosè – Origines 2007 di Lantieri de Paratico ho la conferma che, riguardo al Franciacorta, per una sorta di pigrizia mentale, spesso si parli sempre dei soliti noti; si tratti di riviste specializzate o guide di settore. Quel che è peggio e che questa situazione si ripresenta anche in molte enoteche dove, in mescita, si preferisce la garanzia che sanno dare le etichette famose, senza magari osare quel tanto che consentirebbe di uscire da una sorta di noiosa tranquillità. Ovviamente è un vero peccato perché quando ti capitano per le mani riserve di questa grandezza, come l’Origines, capisci che la Franciacorta può essere ancora una rivelazione. Poi scopro che Lantieri de Paratico è una delle cantine storiche della Franciacorta e che si fa metodo classico già dal 1973; inoltre è stata la prima cantina a produrre un Pas Dosè già nel 1974, allora il senso di colpa mi assale! Beata ignoranza, l’importante è rimediare!

La Riserva Pas Dosè Origines 2007 (Chardonnay 75 % – Pinot Nero 25%) ha fatto 60 mesi di affinamento sui lieviti, ed è stata sboccata a settembre 2013. Un bicchiere suntuoso, già importante adesso ma che con qualche ulteriore sosta in cantina diventerà davvero grande! Ne sentiremo parlare moltissimo, ne sono sicuro!

2 Responses to “Riserva Pas Dosè Origines 2007 Lantieri de Paratico”

  1. Matteo Ghirardo scrive:

    Purtroppo qui in Italia si fa sempre riferimento alle solite aziende per presentare ad un pubblico una tipologia di vino oppure una denominazione, ma lo stesso vale per tutto il panorama agro-alimentare. Complice anche l’effetto psicologico rassicurante che dà al consumatore la sicurezza un marchio conosciuto, le piccole produzioni rimangono sempre nel dimenticatoio. Per la cronaca, sono d’accordo con te, e aggiungo una cosa: non serve essere grandi produttori per produrre grandi vini, ma basta avere chiara la propria identità se si vuole produrre per la massa, oppure per un pubblico ristretto, senza dover ricorrere per forza a prezzi bassissimi nel primo caso, nè a prezzi quasi da gioelleria per il secondo. Si può benissimo stare in una fascia intermedia, oppure produrre poco e venderlo a prezzi ragionevoli.

Leave a Reply