Feed on
Posts
Comments
Massimo Bottura

Massimo Bottura

Il 5 Dicembre 2018, presso il Gotham Hall in New York City, un’esperienza gastronomica e sensoriale davvero unica: Massimo Bottura, Joan Roca e Mauro Colagreco, rispettivamente in prima, seconda e terza posizione con i propri ristoranti nella classifica “The world’s 50 best restaurants 2018”, finalmente insieme con le loro meravigliose creazioni. L’occasione che li vedrà protagonisti al fianco di Roberto Cipresso – uno dei winemaker più famosi al mondo – ha nome  Once Upon a Kitchen, ed è a cura di GR8, gruppo leader mondiale nell’organizzazione di eventi davvero indimenticabili. Coloro che avranno l’onore di partecipare alla cena più interessante d’America, avranno l’opportunità assai rara di assaggiare, nella medesima esclusiva occasione, piatti straordinari e, di conseguenza, di sperimentare concezioni molto diverse dell’arte culinaria, nella consuetudine elaborati e serviti in tre contesti piuttosto lontani tra loro: in Italia – Osteria Francescana -, in Spagna – El Celler de Can Roca – ed in Francia – Mirazur – . Ogni pietanza sarà abbinata ad un vino anch’esso unico nel suo genere, in virtù del proprio profilo sensoriale o del percorso che ha condotto alla sua produzione.

Roberto Cipresso

Roberto Cipresso

Il compito di selezionare i vini che gli chef hanno abbinato ai piatti del menu, nonché di illustrarne le specifiche peculiarità al pubblico, spetta a Roberto Cipresso. Come degna conclusione, un dessert speciale progettato e realizzato per l’occasione da Christina Tosi, una delle “pastry chef” più prestigiose, innovative ed influenti, Founder  e CEO di Milk Bar Bakery. I proventi della cena, saranno devoluti a God’s Love We Deliver, il fornitore leader per l’area metropolitana di New York di pasti singolarmente preparati e consegnati a domicilio senza alcun ricarico a coloro che siano troppo malati per uscire a comprare del cibo o per cucinare, e ai loro figli. In allegato, la brochure dell’evento, affiancata dalla descrizione dei vini e dagli abbinamenti cibo/vino.

Leave a Reply